spacer.png, 0 kB

L’universo nella scatola dei bottoni… PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Sabato 06 Giugno 2015 13:16

Quand’ero ragazzo avrei detto che si trattava di fantascienza.

Oggi, ci sto pigiando con le mie stesse dita su quei bottoni, e, sotto la tastiera: ho l’universo infinito.

Chi mi aiuterà a varcarne le soglie, a oltrepassare il confine?

Mi colpirono subito i suoi occhi, chiarissimi, vividi e furbi, troppo furbi per essere rassicuranti. Parlavano da soli, senza che lui lo volesse, tanto che per farli tacere doveva rivolgere lo sguardo altrove. I tratti del viso tradivano origini nordiche, baltiche, quasi glaciali, e il colore così chiaro dei suoi capelli, della carnagione, non lasciava spazio a ripensamenti. Era giovanissimo, poco più di un bambino, e da quell’aspetto scaturiva una involontaria sensazione di Futuro, forse maggiore di quanto lui stesso potesse sperare. Non avevo dubbi: Pawel, era veramente un hacker, uno di quelli veri, ne aveva tutte le sembianze, almeno per i miei vecchi standard mediterranei. Era la prima volta che “ne vedevo uno dal vivo”, e per quanto cercassi di sorvolare sulle apparenze rimanevo invece più attento ad analizzarlo che ad ascoltare quanto diceva. Oltre il turbinio di termini a me incomprensibili, che il giovane sfoderava parlandomi del suo lavoro, del suo prodotto, avvertivo solo la presenza impellente di una possibilità. Una possibilità che dovevo cogliere:

Sentivo che quel ragazzo poteva davvero condurmi oltre le porte del nuovo mondo.

Ho conosciuto in seguito tanti altri giovani e meno giovani, operatori informatici o del web a vario titolo, ma non ho mai più incontrato nessuno che emanasse l’energia, la magia di Pawel.

Ok, alla fine mi ha semplicemente fatto un sito, sì, ma io non sono abituato a valutare le cose soltanto mettendole su una bilancia, mi piace sezionarle, vedere cosa c’è dentro,,, cosa nascondono…

Pawel non mi ha soltanto creato un sito, mi ha consegnato le chiavi per entrare nel mondo nuovo, quello che chiamano “virtuale”, quel mondo che già oggi, però, è più vasto e reale di ogni altro.

E adesso,,, ci sono anch’io!

 

In Aqua Veritas ( Davide Boschi https://www.facebook.com/fal.boschilab )

Comments (0)

 
Ricerca in NetMind
Anonymous Okno
Menu Principale
Menu Papers
Menu Download
Menu Links
Stats
Tot. visite contenuti : 342621
 9 visitatori online